La pratica del corpo




"Svegliare la mente senza fissarla in alcun luogo"


Questa famosa frase tratta dal Sutra di Diamante può essere egualmente applicata al concetto di Qi (Ch’i o Ki in giapponese), ovvero all'energia vitale.
Quando la mente è fissa, limitata da parole e concetti statici, perde il contatto con la realtà mutevole e fluida.
La mente è focalizzata esclusivamente sulla realtà relativa oppure su quella assoluta, diventando stagnante e ingannevole.
Similmente, quando il Qi è bloccato è incapace di circolare e diventa come l’acqua dietro una diga: troppa energia da un lato e troppo poca dall’altro. Questo squilibrio crea malessere e di fatto, molti antichi testi di medicina cinese implicano che la mente sia Qi.
I meridiani dell’agopuntura – i canali energetici che veicolano il Qi da e verso tutti i tessuti del corpo – sono anche le vie attraverso le quali la mente pervade il corpo. Ciò è chiarito in uno dei testi principali della medicina cinese - il Ling Shu - che dice: “Gli agopunti sono i luoghi dove spirito e Qi vanno e vengono, entrano ed escono.”
Quando questi agopunti vengono stimolati dall’agopuntura oppure dal Qi-Gong (letteralmente “il lavoro del Qi”), attraverso le tecniche di respirazione e di esercizio all’autoguarigione, le aree bloccate vengono aperte.
I punti che hanno energia in eccesso (Yang) vengono drenati mentre quelli che ne hanno carenza (Yin) vengono riempiti. L’energia inizia a fluire più facilmente e ad un livello profondo di guarigione, questo flusso non è solo all’interno del corpo, ma tra corpo ed universo.
Mente e Qi diventano entrambi pervasivi, muovendosi senza ostruzioni.

Pagina aggiornata domenica 17 gennaio 2021


Il segreto della salute fisica e mentale non sta nel lamentarsi del passato, né del preoccuparsi del futuro, ma nel vivere il momento presente con saggezza e serietà.
La vita può avere luogo solo nel momento presente. Se lo perdiamo, perdiamo la vita. L'amore nel passato è solo memoria. Quello nel futuro è fantasia.
Solo qui e ora possiamo amare veramente. Quando ti prendi cura di questo momento, ti prendi cura di tutto il tempo.

Siddhartha Gautama




Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro.
Il guerriero per noi è chi sacrifica se stesso per il bene degli altri.
E’ suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a se stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell’umanità.

Toro Seduto




Ad ogni forza si contrappone una controforza.
La violenza, anche prodotta da buone intenzioni,
rimbalza sempre su chi l’ha generata.

Yamaoka Tesshu